La Maddalena, no smantellamento ospedale

Bambini con i genitori, studenti, giovani e anziani: oltre duemila maddalenini questa mattina sono scesi in piazza per difendere il diritto alla salute dei cittadini e chiedere alla Regione e alla Asl di Olbia una maggiore attenzione alle loro esigenze. "Siamo dinanzi ad un diritto alla salute negato", ha detto dal palco a nome dell'amministrazione comunale l'assessore della sanità del comune di la Maddalena, Massimiliano Guccini, in prima fila nella mobilitazione dell'Isola. I manifestanti, riuniti nella piazza Rossa, nei pressi del municipio, hanno protestato contro il progressivo smantellamento dell'ospedale Paolo Merlo, un percorso cominciato dieci anni fa con la chiusura della Chirurgia e che ha visto, dal 15 settembre, la sospensione temporanea dell'attività di degenza del Punto Nascita, prevedendo il trasferimento delle donne ricoverate a Olbia. Una decisione assunta dalla Asl, in attesa delle disposizioni Regionali inserite nella riorganizzazione della Rete ospedaliera e Punti Nascita. A gran voce e con striscioni la popolazione ha chiesto alla Regione e all'Asl di bloccare la cancellazione dei servizi, così da non costringere, ad esempio, le donne a partorire a Olbia. Il timore è quello che la chiusura, se pur temporanea, del Punto Nascita possa essere la prima tappa di un processo che potrebbe portare alla chiusura dell'ospedale. (ANSA).

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Più di novemila euro di bolli mai versati: denunciata tabaccaia
    Olbia
  2. Partono il 4 maggio le prime sei assunzioni del personale stagionale del Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena.
  3. Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, al via le prime assunzioni estive
    Sardegna Reporter
  4. La Maddalena: domani la tavola rotonda "Lo Zerro è finito nella rete"
    Sardegna Reporter
  5. E la croce di San Paolo? Non è scomparsa e presto "riapparirà" sulla cupola.
    Olbianova

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Palau

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...