Ai domiciliari ex direttrice Poste

Finisce agli arresti domiciliari l'ex direttrice dell'Ufficio Postale di Luogosanto, Elena Altobelli, 49 anni, cagliaritana. La donna è accusata di essersi appropriata dei risparmi di decine di clienti con un sistema che, secondo gli investigatori, consisteva nel mancato rinnovo dei buoni fruttiferi postali di ignari correntisti. Il provvedimento è stato eseguito a conclusione di un'indagine condotta dai Carabinieri insieme alla Polizia e alla Guardia di finanza e coordinata dal pm di Tempio, Roberta Guido. La direttrice infedele è accusata di peculato: la somma che avrebbe sottratto non è stata ancora quantificata, ma dai primi conteggi si parla di oltre un milione di euro. La truffa risulta avviata dal 2002 e si è protratta sino all'agosto del 2016, data di rimozione dall'incarico della dipendente. La donna avrebbe messo in piedi un sistema di articolati raggiri per appropriarsi dei risparmi di cittadini, poco abituati all'utilizzo di strumenti finanziari e abbindolati sapientemente dall'allora direttrice, che si faceva forte del suo rapporto fiduciario. Il caso èscoppiato questa estate in seguito ad una sua assenza dal lavoro: da qui il via all'attività investigativa che ha permesso di ricostruire i movimenti della donna, la riscossione indebita degli assegni con firme contraffatte, il trasferimento di somme di denaro da un conto corrente all'altro all'insaputa dei clienti. (ANSA).

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La Maddalena. Nell'ufficio postale di Piazza Umberto I il turno si prenota tramite app
    Sardegna Reporter
  2. Bestemmie sui muri. E il parroco denuncia.
    Olbianova
  3. Sassari. Scuola, sport, disabilità e senso creativo del paesaggio
    Sardegna Reporter
  4. Referendum: Francesco Pigliaru e il Pd per il Sì, ma la maggioranza è divisa
    La nuova sardegna
  5. Orosei: arrestato dai Carabinieri per detenzione d'arma clandestina
    Sardegna Reporter

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Palau

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...